La Fondazione Senza Frontiere sempre a fianco del popolo Brasiliano

CLICCA QUI

Il melograno

Rossi grani ricchi di salute



Il melograno
Il Melograno (Punica granatum) è una pianta che appartiene alla famiglia delle Punicaceae o Lythraceae. Originario dell’Iran e del Medio oriente, il melograno è presente da sempre nella macchia mediterranea. Forma un alberello molto ramificato e cespuglioso, dal fogliame lucido. In tarda primavera si arricchisce di fiori dal vivace colore rosso. Viene coltivato da millenni in tutti i Paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo per il suo dolce frutto chiamato melagrana. In botanica, questo particolare frutto è chiamato “balausta”, è una bacca divisa in varie sezioni. All’interno vi troviamo molti semi, detti “arilli”, con una polpa esterna rosso scuro, traslucida, dal sapore dolce, leggermente acidulo. Il loro colore viene definito rosso-granata. Nella zona apicale, opposta al picciolo, la melagrana ha una piccola robusta corona. Il nome “melograno” deriva dal latino malum,che significa mela, e granatum, cioè con semi.

Le origini
Gli antichi Romani importarono il melograno dalla Tunisia e lo chiamarono mela punica, proprio per la provenienza dalla zona di Cartagine, chiamata Punica. Sia Plinio il vecchio che Dioscoride ne descrissero i benefici e il suo uso terapeutico. Si diffuse poi in tutta Italia come simbolo di prosperità. Nel Medioevo fu coltivato, come pianta ornamentale e officinale, negli orti botanici dei monasteri. Era il frutto preferito di Matilde di Canossa, raffigurata in pitture e sculture con una melagrana in palmo di mano. Attualmente è diffusa la coltivazione del melograno in Israele, Iran, Turchia.

Caratteristiche
La pianta del melograno è rustica e resistente all’aridità estiva di questi territori. Questo gradevole frutto contiene antiossidanti, polifenoli, antociani, tannini, proteine, zuccheri, vitamine C, E, K e del gruppo B, sali minerali (potassio, ferro, calcio, magnesio, fosforo).
Il melograno ha proprietà anticoagulanti, protegge il cuore riducendo il rischio di arteriosclerosi e il contenuto di colesterolo LDL. Protegge la pelle e ha effetti antinvecchiamento, grazie alle molte vitamine e antiossidanti che contiene. Viene utilizzato per molti cosmetici, per la cura della pelle e dei capelli. Si ritiene, inoltre, che il succo di melagrana abbia proprietà antitumorali; in particolare, protegge dal tumore al seno, alla prostata e della pelle. Porta benefici anche all’apparato digerente, è leggermente lassativo e stimolante, aiuta a combattere le emorroidi e i parassiti intestinali. L’alto contenuto in ferro riduce l’anemia, aumenta i livelli di emoglobina. Il succo è un vero integratore naturale, energetico e tonificante. Bere un bicchiere di succo di melagrana ogni giorno mantiene in ottima forma e previene molti disturbi. Inoltre possiamo aggiungere i suoi arilli in molte pietanze, sia dolci che salate. Aggiungiamoli in un’insalata di verdure miste o di cereali. Usiamo i grani per un originale risotto o per decorare il gelato o lo yogurt. Prepariamo delle crostatine alla crema e decoriamole con un cucchiaio di dolci grani rosso rubino.
Il melograno è il simbolo della città di Granada, in Spagna.
In Giappone viene spesso coltivato nell’arte del bonsai.
Rappresenta storicamente la prosperità, l’energia e l’abbondanza grazie alle centinaia di grani presenti nel suo frutto.

il melograno

Riguardo l'autore

Maria Rosa Macchiella

Maria Rosa Macchiella

Area: Cucina - Salute e benessere