Affittare casa per le vacanze

Tutto il nostro Paese è meta di turisti che arrivano per trascorre le vacanze nella quiete della montagna, al caldo del sole sulle spiagge o per ammirare la bellezza in una delle nostre città d'arte. Quindi, se possediamo una casa che non utilizziamo e desideriamo affittarla per uso turistico non avremo difficoltà nel trovare possibili affittuari. Qui vedremo come affittare una casa vacanze, in particolare i tipi di locazione e soprattutto analizzeremo il regime di vantaggio dal 2017 per il locatore.


Quali tipi di locazioni ci possono essere?
Un affitto ad uso turistico ha, sostanzialmente, due modi per essere realizzato: la locazione turistica e la locazione breve. Vediamo le rispettive differenze per meglio scegliere quello più adatto alle nostre esigenze.

Affittare casa per le vacanze

Sempre più i proprietari, che vogliono affittare una casa ad uso turistico, adottano la locazione breve per notevoli vantaggi, infatti non si deve stipulare alcun tipo di contratto, c’è la possibilità di modificare il prezzo relativo all’appartamento a seconda dei periodi di alta/bassa stagione, inoltre l’introito dagli affitti può godere di un nuovo regime fiscale agevolato.

Qual è il regime fiscale agevolato?
Dal 1.06.2017 per i contratti di locazione breve, a uso abitativo, il locatore potrà assoggettare il reddito con l’applicazione della c.d. “cedolare secca”. Il proprietario dell’immobile può scegliere di assoggettare il reddito, che ricava dall’affitto, a un’imposta sostitutiva del 21%. Tale imposta va applicata sull’intero importo del canone indicato nel contratto e la sua applicazione sostituisce l’Irpef e le relative addizionali.
 
Nota bene
Il reddito assoggettato alla cedolare secca è escluso dal reddito complessivo, quindi l’imposta pagata è definitiva e su quell’ammontare non saranno calcolate altre imposte.

Quando si può optare al regime della cedolare secca?
Il locatore può scegliere il regime agevolato:
  • con la dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui i canoni sono riscossi;
  • nel caso il contratto venga volontariamente registrato, la scelta viene fatta al momento della registrazione.
 
Nota bene
Quando si affittano singole porzioni della stessa unità abitativa, per periodi in parte coincidenti, l’opzione della cedolare secca per il primo contratto vincola anche il regime del contratto successivo.

regime cedolare secca su contratti di locazione brevi


 

Riguardo l'autore

Paola Giordani

Paola Giordani

Area: Fisco e tasse - Agevolazioni - Lavoro